Un viaggio alla scoperta dei suggestivi  giardini di Villa Melzi a Bellagio…
Villa Melzi nacque come residenza estiva a Bellagio di Francesco Melzi D’eril, vicepresidente della Repubblica Italiana al tempo di Napoleone ( 1801-1803 ).
Il progetto, affidato all’illustre architetto Giocondo Albertolli, fu eseguito dal 1008 al 1810.

 

villa melzi bellagio

La costruzione, perfetta espressione dello stile neoclassico, e’ circondata da incantevoli giardini dove campeggiano statue classicheggianti e piante secolari ed esotiche. La passeggiata a lago, lungo il viale dei platani, la cappella, affacciata sul porticciolo di Loppia, il padiglione museo nella arancera adiacente alla villa, si ispirano anch’essi ai canoni eleganti, equilibrati, rigorosi dell’arte neoclassica.  Autentico spirito romantico emana invece dai gruppi di rododendri giganti e di azalee sparsi sui prati e lungo i pendii, verso l’idillico laghetto alla giapponese.
Non a caso qui si ispirarono il musicista Lizst e
lo scrittore Stendhal, ospiti della villa come altri celebri personaggi del mondo della cultura e della politica. La dimora ed il giardino – oggi Monumento Nazionale nell’insieme – sono di proprietà’ privata.

Redazione

 

 

Per informazioni
Sito Web: http://www.giardinidivillamelzi.it/GIARDINI_DI_VILLA_MELZI/HOME_PAGE.html

Foto ©Villa Melzi,  Franco Papetti ph.

VILLA MELZI BELLAGIO