Ritorna a Cernobbio, nei suggestivi giardini di Villa Erba, Orticolario.
Dal 5 al 7 ottobre, il celebre evento internazionale dedicato alla natura, ai giardini e a un concetto evoluto di giardinaggio, giunto alla decima edizione, accoglierà ospiti illustri e un ricco programma di iniziative, incontri e workshop.
Il titolo di questa edizione 2018 è “Si Salvia chi può”, il tema è il “Gioco” e la pianta protagonista è la Salvia. Il “Gioco”, un concetto complesso e affascinante capace di generare fantasia, ironia, mistero, senso della meraviglia. La Salvia, pianta magica, purificatrice e divinatoria, un genere che può vantare una grande biodiversità contando infatti circa 1.000 specie e centinai di varietà provenienti da tutto il mondo.

28059004_1800117776674256_37372111825421701_n

 

L’ospite d’onore di Orticolario 2018 è Roy Lancaster, presidente dell’inglese RHS, Royal Horticultural Society, scopritore di piante, scrittore e giornalista, che riceverà il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2018″.
Per festeggiare la decima edizione si è deciso di porre nel cuore di Orticolario. la sua piazza, nel padiglione centrale del centro espositivo, una gigantesca installazione artistica gonfiabile. Un’esperienza immersiva realizzata con la seta Mantero.
Un cuore che batte per l’arte e che segna un punto di partenza dal quale si sviluppano i giardini e le installazioni allestiti nel parco, ispirati al tema dell’anno e selezionati tramite il concorso internazionale “Spazi Creativi” da una giuria composta da membri di diverse nazionalità. Il vincitore si aggiudica il premio “La foglia d’oro del Lago di Como”.
Come sempre l’evento è arricchito da un’ampia esposizione di piante e fiori proposti da selezionati vivaisti nazionali e internazionali oltre che da artigianato artistico, installazioni d’arte e di design, aree espositive e di relax realizzate da designer.
A corollario un ricco programma di incontri culturali e di laboratori didattici-creativi per i bambini.

Orticolario e la Cultura del Bello!

 

Sito Web: https://orticolario.it/

 

 

 

Credits foto: Luigi Fieni e Luciano Movio

 

 

orticolario ©Luciano-Movio